UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Un viaggio non scontato tra artisti, visionari e designer da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 e del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




venerdì 12 maggio 2017

IL GRANDE. UNICO. RAM. RUGGERO MICHAHELLES.


 
Ruggero Alfredo Michahelles, noto anche come RAM (Firenze, 1898 – 1976), pittore e scultore italiano, coofirmatario con il fratello Thayaht dell'invenzione della Tuta e delle Case in Serie. Ma anche di mille innovazione tecnologiche, proposte alla Michelin, alla Buitoni, alla Palmolive, alle Ferrovie, alla Fiat.
Architetto e grafico raffinato (sue alcune delle copertine più belle del ventennio) è stato anche scenografo e fotografo.




Una figura di grande valore morale, un sognatore che insieme al fratello ha attraversato la moda e la cultura liberty, poi il futurismo, esplorando mondi e stili.
Uno dei grandi disegnatori del nudo, ma che guardava oltre, sino a divenire il primo ufologo italiano, ideatore con il fratello Thayaht dell’osservatorio spaziale presso Arcetri e fondatori del C.I.R.N.O.S. il primo centro ufologico in Italia, il secondo in Europa.
Chi lo scopre, non lo lascia più.






3 commenti:

  1. E' stato uno dei più grandi artisti del Novecento .

    RispondiElimina
  2. Non si tratta soltanto di uno dei più grandi artisti del Novecento, Ram è stato un vero innovatore, un purista dell'immagine e della ricerca cromatica. Assieme a suo fratello Ernesto hanno cambiato il modo di essere al mondo e di guardare all'arte come se questa fosse un progetto di vita. Il loro laboratorio artistico è stato il fulcro della vita intellettuale di quei raffinati, cosmopoliti ed esteti che nel xx secolo non hanno accettato passivamente che l'Arte venisse imbrigliata in canoni e discipline ristrette. Ricordare Ram (e Thayaht) significa celebrare la bellezza rinnovata

    RispondiElimina
  3. Bellissimo articolo che esalta le grandi doti artistiche dei fratelli Michahelles in arte THAYAHT e RAM.
    L'unica nota stonata risiede in un errore di attribuzione nell'ultimo paragrafo dove la paternità dell'ideazione dell'osservatorio spaziale presso Arcetri e della creazione del C.I.R.N.O.S. primo centro ufologico in Italia è esclusiva a THAYAHT.

    RispondiElimina