Un progetto di Alfredo Accatino

Attenzione! Queste pagine non contengono opere di Modigliani, Picasso o di uno degli altri 50 straordinari autori, sempre e solo loro, che danno il titolo a mostre-evento. L’arte è qualcosa di più complesso della semplice divulgazione di massa che, nel tempo, ha finito per trasformare gli artisti in prodotti, che devono essere facili da comprendere e da consumare.
Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 senza l’apporto di fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Perché, se non avessero operato maestri come Malevic, Exter, Scheiber, Itten, De La Fresnaye, Jawlesky, Rietveld, Schad, Dexel, Brauner, o personaggi trasversali e imprevedibili come Galantara, Codognato, Seltenhammer, Vertes, Copi, Topor (chissà quanti di voi li conoscono?), o autori italiani come Chiattone, Wildt, Cagnaccio di San Pietro, Thayaht, Donghi, Melli, Crippa, Gnoli, Pascali, non sarebbe proprio esistita l’arte contemporanea. E forse, non saremmo esistiti neanche noi.

P.S. Segueteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER

giovedì 9 giugno 2016

Das Marmorhaus e i poster "da paura"



La Marmorhaus (la Casa di Marmo) sulla Kurfürstendamm nel quartiere berlinese di Charlottenburg è stato un cinema-teatro costruito nel 1912/1913 su progetto di Hugo Pál in stile modernista. Caratterizzato per le pitture parietali dell’espressionista César Klein e per il soffitto di vetro colorato, eseguito dalla ditta Puhl & Wagner di Berlino è un gioiello che ha resistito per 50 anni prima di essere chiuso e destinato a speculazione immobiliare.
Una cosa, tra le altre, era straordinaria. La capacità di creare poster originali di grande bellezza che nel 1920 coinvolsero grandi artisti e illustratori di avanguardia, come Josef Fenneker (1895-1956) che lo posero, assieme al Palast, nell’Olimpo del teatro e del cinema mondiale. Roba seria. Roba da paura...




GUARDARE AL FUTURO GUARDANDO AL PASSATO


Walter Plotnick è un giovane artista che vive e lavora nella zona di Philadelphia. Ha ricevuto il suo MFA dalla University of the Arts e BFA da Tyler School of Art. Fin da ragazzo ha avuto una passione: le foto di ricerca influenzate dal lavoro della Bauhaus, dai costruttivisti e dai maestri surrealisti degli anni 20’ e ’30. In camera oscura con mezzi antichi e al computer con tecnologie digitali, realizza nature morte temporanea, utilizzando gli oggetti e le immagini d'epoca, manipolando una varietà di fonti di luce dando vita a collage digitali.

Di sé dice: “La fotografia è una forma di comunicazione con il potere di muoversi, ispirare e motivare le persone. Due sono le aree di indagine che mi hanno affascinato con le loro possibilità grafiche - il "mondo di domani" tema nel 1939 dell’Esposizione Universale di New York World, e immagini d'epoca raffiguranti gesta di audaci in artisti circensi del 1930". Questi i risultati.